Società Mutuo Soccorso Porta Palio

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie «Viveva la politica come una passione»


«Viveva la politica come una passione»

E-mail Stampa PDF

È morto l'altra notte, nella sua abitazione di via Foroni, Giulio Segato, 88 anni. Nato a Treviso nel 1926, Segato è stato protagonista della vita amministrativa veronese per ben sei Amministrazioni comunali, oltre ad aver ricoperto numerosi altri incarichi a livello amministrativo.
Tutta la sua carriera politica si è svolta nelle file del Partito socialista italiano. Consigliere comunale dal 1964 fino al 1970 (sindaco Renato Gozzi), quindi assessore con deleghe al Patrimonio, Agec e attuazione leggi 167 e 865 fino al 1975 (sindaci Carlo Delaini e Leonzio Veggio); quindi assessore all'Urbanistica, Edilizia privata e Peep dal 1975 all'aprile del 1978 (ancora con il sindaco Gozzi).
VICESINDACO dal 1980 al 1985 nell'Amministrazione guidata da Gabriele Sboarina con delega agli affari generali e Agsm; consigliere comunale dal 1985 al 1990 e nuovamente consigliere della Sinistra Eruopea dal 2002 al 2007 nell'Amministrazione guidata dal sindaco Paolo Zanotto. Segato, che sottolineava il suo titolo di ragioniere e di «foresto», perché nato in provincia di Treviso, sosteneva spesso che proprio questa sua condizione gli aveva fatto amare Verona più delle sue stesse radici.
OLTRE AGLI INCARICHI in Comune, Segato è stato presidente del Consorzio Zai dal 1987 al 1991. Membro del consiglio di amministrazione della Veronamercato dal 1995 al 1998; consigliere dell'Ente Fiera dal 1998 al 2000. Negli ultimi anni era stato anche presidente della Società Mutuo Soccorso Porta Palio, che aveva rilanciato nelle sue attività sociali, fino agli inizi dell'anno scorso, quando era stato eletto Carlo Furlan, scomparso alla fine di luglio del 2013.
Proprio a Porta Palio la notizia della morte improvvisa dell'ex presidente è arrivata come un fulmine a ciel sereno. L'attuale presidente, l'architetto Franco Olivieri, ha ricordato l'impegno di Segato per dare impulso all'associazione che ha sede nella porta monumentale, nata per offrire un aiuto alle famiglie in difficoltà e oggi diventata anche punto di riferimento per le associazioni ambientaliste e impegnate nalla valorizzazione del patrimonio storico della città.
Carlo de' Gresti, già assessore e consigliere comunale del Pli e ora presidente dell'associazione dei Consiglieri comunali emeriti di Verona, ricorda il collega Giulio Segato come «amico, amministratore, politico che ha speso con impegno e dedizione tanti anni della sua vita a servizio della città di Verona. Per me e per tutta la nostra associazione».
DOPO UNA PAUSA di una decina d'anni dalla fine degli anni Ottanta, Segato era rientrato nella politica attiva come consigliere comunale dal 2002 al 2007, per la Sinistra Europea, nel corso dell'amministrazione del sindaco Paolo Zanotto, figlio di Giorgio Zanotto, già sindaco di Verona e poi presidente della Banca Popolare, con cui pure Segato aveva intrecciato la sua attività amministrativa.
«La cosa sorprendente di Giulio», ricorda Paolo Zanotto, «era che non viveva di soli ricordi, ma era appassionato del presente, della politica e della città. Nel 2002, quando tornò in Consiglio a quasi 80 anni, era davvero ringiovanito non solo intellettualmente, ma anche nell'attività che svolgeva. Utilizzava il linguaggio moderno per affrontare i temi della città, senza rancore».
MAURO DE ROBERTIS, socialista, già assessore e vicesindaco di Verona e oggi consigliere di Sel, ricorda il compagno di partito «che ha rappresentato la storia del Psi a Verona. È stato battagliero fino alla fine. Una persona squisita, sempre disposta ad ascoltare».
Segato aveva saputo però conquistarsi stima anche dagli «avversari», come Enzo Erminero, deputato, sindaco e consigliere comunale per la Democrazia Cristiana: «Quella di Segato è stata una vita politica intensa e appassionata. Era un uomo di grande intelligenza con una memoria straordinaria. Siamo stati avversari, correttamente, ma anche alleati quando ci fu l'amministrazione di centrosinistra. In politica aveva una prospettiva ampia, aperta al confronto con chiunque».
I funerali di Giulio Segato si svolgeranno venerdì, alle 16, nella chiesa della Santissima Trinità.E.CARD. e E.G.

Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Ottobre 2015 15:02  

Appuntamenti

Nessun evento

Amici

csv_logo_piccolo

asc